Politica, istituzioni e diplomazia

I ragionamenti di Giovanni Francesco Gandolfo all’alba del ducato di Vittorio Amedeo I 1631-1632
di Andrea Pennini (SCARICA IL NUMERO COMPLETO IN PDF)

PREFAZIONE  (SCARICA IL PDF)
di Michele Rosboch

INTRODUZIONE (SCARICA IL PDF)
I. UN’ETÀ INQUIETA E CANGIANTE 15

CONSIDERAZIONI SU POLITICA, ISTITUZIONI E DIPLOMAZIA D’ETÀ BAROCCA (SCARICA IL PDF)
I.1 Gli elementi di una politica “barocca” – I.2 lo Stato nella prima età moderna –
I.3 Dottrina e prassi della diplomazia.

II. «DI NOSTRA CERTA SCIENZA» (SCARICA IL PDF)
LE ISTITUZIONI DEGLI STATI SABAUDI TRA XVI E XVII SECOLO
II.1 Le riforime “istituzionali” di Emanuele Filiberto –
II.2 La segreteria di Stato –
II.3Le istituzioni diplomatiche –
II.4 L’esercito.

III. PINEROLO E CIPRO (SCARICA IL PDF)
GEOPOLITICA E ISTITUZIONI ALL’ALBA DEL DUCATO DI VITTORIO AMEDEO I
III.1 Pinerolo nella prima restaurazione sabauda –
III.2 Il ducato di Carlo Emanuele
III.3 La cessione di Pinerolo –
III.4 Una questione di eredità –
III.5 I progetti d’oriente di Carlo Emanuele I –
III.6 Vittorio Amedeo I re di Cipro.

IV. DA PORTO MAURIZIO AD ALBA  (SCARICA IL PDF)
LA CARRIERA DIPLOMATICA DI GIOVANNI FRANCESCO GANDOLFO
IV.1 I primi anni di carriera –
IV.2 Vescovo di Ventimiglia –
IV.3 Al servizio dei duchi di Savoia –
IV.4 Vescovo di Alba.

V. I RAGIONAMENTI DEL VESCOVO GANDOLFO (1631-32)  (SCARICA IL PDF)
I DOCUMENTI CONSERVATI PRESSO L’ARCHIVIO DI STATO DI TORINO
Nota introduttiva ai testi – Discorso delli affari d’Italia fatto dal Vescovo di Ventimiglia del 1631 – Espedienti sopra li presenti affari proposti all’Altezza Serenissima di Vittorio Amedeo I