Call for papers 2021: Che cos’è l’Islam? Massimo Campanini (1954-2020): sulle vie della conoscenza

«L’Islam è definito come una religione in modo abbastanza improprio. L’Islam è una Weltanschauung globale in cui la dimensione del sacro non può non avere profonde ricadute sulla dimensione sociale e politica dell’essere umano (…). Ciò non significa in alcun modo che la religione diriga il politico (…). Vi è una forte caratterizzazione etica del politico, piuttosto, nel senso che la gestione politica della società e dello Stato deve fare i conti con un quadro di riferimento di tipo “religioso” (…). In certa misura è vero che, essendo fondato sulla volontà di Dio, il giure islamico non è “secolare”, ma è altrettanto vero che, essendo elaborato e messo in pratica dagli uomini, il giure islamico si secolarizza nel contatto stesso con la realtà sociale. (…) nell’Islam esiste una dimensione del politico che, pur senza essere svincolata dalla religione, gode di una sua autonomia» (dalla Premessa di M. CAMPANINI a Ideologia e politica nell’Islam, il Mulino, Bologna 2008, pp. 7-9).

Questi brani, tratti da una delle opere più significative di Massimo Campanini, studioso dell’Islam di fama internazionale prematuramente mancato, ci invitano a misurarci con il tentativo di conoscere, anche in termini espressamente filosofico-teoretici – secondo l’originale approccio scientifico di Campanini –, la realtà storico-ideale e storico-sociale dell’Islam al di là degli stereotipi, con particolare riferimento ai nessi tra l’elemento religioso e gli aspetti etici, politici e giuridici.

9 novembre 2020

Il termine di scadenza per la sottomissione degli articoli, da indirizzare a redazione.rivistapolitica@gmail.com, è il 31 ottobre 2021.

Lingue: italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo

I nostri recapiti

Redazione

Via delle Rosine, 15 - 10123 Torino

Sede di studio

Via delle Rosine, 11 - 10123 TORINO

 

ISSN

ISSN 2421-4302

powered by